Tag

, ,

Una tradizione portata avanti con tanti piccoli grandi rituali: ecco il segreto di un Natale poco freddo ma estremamente significativo. Il senso religioso di questa sentita ricorrenza si fonde con la semplicità delle piccole cose. Le ricette che accompagnano le nostre festività, ad iniziare dall’Immacolata e dalla festa di Santa Lucia, sono state tramandate di generazione in generazione e ancora oggi i più preferiscono cimentarsi personalmente nella loro preparazione. Perchè il Natale è anche questo: l’attesa magica dei bambini, le massaie, ora Nonne,indaffarate,il calore familiare e una tradizione che profuma di miele e spezie.

Zeppole dette “Scauratielli”

Ecco a voi: Gli scauratielli!

Queste zeppole ,dette “Scauratielli” ,sono un dolce tipico della tradizione campana.

Si tratta di ciambelline fritte a base di farina, acqua, latte ed anice e condite con il miele e i cosiddetti “diavulilli”, quei confettini minuscoli e coloratissimi che piacciono tanto ai bambini perchè ricordano le decorazioni degli alberi di Natale.

Forse non tutti sanno che tanti anni fa, tra i tanti mestieri che si sono ormai estinti, vi era la “zeppolara”, che per strada friggeva in strutto o grasso queste semplici delizie e le serviva ricoperte di miele.

Una buona notizia per chi volesse iniziare a sperimentarli in vista del Natale: la ricetta è di facile esecuzione!

Qui di seguito gli ingredienti e la ricetta.
Ingredienti per 8 persone circa:
5 tazze d’acqua,
5 tazze di farina,
200 gr circa di latte,
1 pizzico di sale,
un po’ d’anice,
1 scorza di limone,

per il condimento:

1 Kg. di miele,
buccia d’arancio,
buccia di limone,
anice quanto basta

Mettete acqua, latte, anice e sale in una pentola capiente sul fuoco e prima che bolla, versate di getto la farina setacciata.

Mescolate con un cucchiaio di legno il composto sul fuoco fino a quando si stacca dalle pareti della pentola.

Versate la pasta ottenuta su di un piano di lavoro leggermente unto e lavoratela molto bene in modo da renderla liscia e omogenea al massimo.

Tagliatela a pezzetti e arrotolatela con le mani in modo d ottenere dei bastoncini di circa cm15 di lunghezza che avvolgerete su se stessi a forma di L .

Pungete ogni zeppola varie volte con i rebbi di una forchetta, preparandone un piccolo quantitativo per volta per evitare che si formi alla superficie una patina dura che potrebbe compromettere il risultato. Friggete in abbondante olio bollente, fate assorbirne l’unto su carta da pane.

Infine immergere le zeppole nel miele precendemente cotto sul fuoco a cui avrete unito anice, la buccia di limone e dell’arancia.

Cospargete di confettini colorati (i diavulilli).

Vi ricordiamo che per l’Immacolata abbiamo realizzato un pacchetto speciale per trascorrere qualche giorno di relax “quasi natalizio” sulla divina costiera, in attesa delle tanto bramate “vacanze di Natale e capodanno“…

Buon appetito!